Sex in The City

“Perversione è quella parola che le persone noiose usano per chiamare le fantasie altrui”

Sesso e Fotografia giugno 21, 2008

Sottotitolo: Tutti i tori se li accarezzi bene diventan vacche!

Giornata piena di lavoro qui in ufficio e abbastanza massacrante. Sabato mattina mi attende una session fotografica con un attore e ancora mi mancano la costumista e la parrucchiera! Inoltre devo finire in fretta perché alle 18.30 mi inizia il vernissage di uno dei più importanti appuntamenti d’arte italiana estiva. La sera invece prenderò il mio carissimo amico Artista e lo porterò a ballare sul cubo al mamamia… insomma mi attende un fine settimana da urlo!
Vi starete domando dell’attore vero? Bhè… è discretissimo, non è solo attore ma pure modello e vi garantisco (miranda lo ha visto!) che è tanto bello.. quanto etero purtroppo…
In tutto questo oggi mi squilla il telefono. Devo fare una piccola premessa, essendo una persona metodica la registrazione del numero delle persone sul cellulare è categorizzata a seconda delle necessita chessò “Andrea Pistoia famiglia” dove chiaramente Pistoia è la città e “famiglia” stà per il fatto che è gay, mentre i cacciatori prendono l’abbreviazione cacc o chi ho conosciuto in chat ch in modo che immediatamente trovo le persone senza ammattire troppo.

Vi faccio un esempio, sono a bologna voglio farmi una scopata e i miei amanti abituali sono occupati per varie ed eventuali. Apro il cellulare (o il palmare visto che ho la stessa rubrica anche li) metto “bologna” ed ecco che mi restituisce le persone, guardo quelle con l’abbreviazione cacc o ch e sono sicuro che la trombata per quella sera è assicurata! 😉

Dunque torniamo al celllulare che squilla e che mi (more…)

Annunci
 

Della mia omosessualità ovvero L’outing – Parte Seconda giugno 18, 2008

CONTINUA DA – Della Mia omosessualità ovvero La Scoperta – Parte Prima
Passarono gli anni e io ripresi i miei hobby tra i quali uno mi portava spesso in Inghilterra, luogo in cui andavo per delle grosse convention di circa 5000 persone. Qui conobbi una ragazza che letteralmente cadde ai miei piedi: Presunta Polmonite!
La raccolsi e visto che ero uno dei pochi italiani a parlare inglese l’accompagnai all’ospedale dove per fortuna gli diagnosticarono solo una brutta influenza e niente di più! Quattro tachipirine più tardi tutto era passato!

Diventammo amici e scoprimmo di avere altri amici in comune sparsi per l’italia in particolar modo a Pisa, promise di venirmi a trovare quando sarebbe venuta in toscana, visto che lei era umbra.
In un pomeriggio autunnale che annunciava tra l’altro un freddissimo inverno ricevetti una chiamata sul cellulare, era isabella “tra qualche ora sarò a Pisa, stasera ci vediamo a Viareggio così si esce a prendere una Birra? Ti torna o è troppo distante per te?”

Qualche ora dopo eravamo intorno ad un tavolo io lei e un altro ragazzo che non conoscevo. Nel frattempo lei mi parlava di un altro ragazzino molto giovane ancora più di me che si era talmente affezionato a lei da identificarla in una seconda mamma, così tra una birra e l’altra decidemmo che io ero il fratello maggiore, lui il minore e lei era la nostra mamma adottiva visto che aveva una decina di anni più di me!

Mi ricordo ancora quella scena, si salì in macchina per spostarci in un altro posto e incontrare alcuni amici quando, passando in un punto, lei esclamo entusiasta “MA QUI VICINO C’E’ il FRAU MARLENE!”.
Io ebbi un groppo in gola… il frau era rinnomato in questa zona come un luogo di perdizione pieno di froci, non ci ero mai stato ma sapevo benissimo dove si trovava.. e non era da quelle parti!
Mi feci coraggio e con un tono quasi schifato “E TU CHE NE SAI DEL FRAU MARLENE!?” lei si girò di scatto “NO TU CHE NE SAI?”

Io preso da un attimo di panico feci appello a tutta la mia forza di spirito, cazzo stavo per essere sgamato come avevo fatto ad essere così stupido; dovevo stare più attento, fingere di non conoscerlo MERDA! “bhè… lo conoscono tutti da queste parti il frau, è pieno di froci di merda!” dissi io con tono sprezzante.
Non lo avessi mai fatto, quasi mi mangiava vivo! “intanto non si dice froci di merda ma GAY in seconda istanza spero vivamente che tu non sia razzista o omofobo ancora peggio perché il tuo fratellino che ancora non hai conosciuto è gay… e poi scusa non lo sai?” si volta verso gli altri amici in comune “Ma nessuno di voi glielo ha detto? Possibile che tu non lo sappia?” io ero sensibilmente nel panico “COSA ISA?!” e con tutta la sua (more…)

 

Della Mia omosessualità ovvero La Scoperta – Parte Prima giugno 17, 2008

Sotto-sottotitolo: La Risposta è dentro di me ma è SBAGLIATA!

Da ragazzetto ero un piccolo teppistello, anzi.. un grasso teppistello, arrogante, stronzo, polemico, litigioso e manesco. Quando non potevo avere ragione me la prendevo con la forza. Per questo venni bocciato in 3^ superiore… per questo e per il fatto che in fondo non mi sentivo bene, mi sentivo diverso dagli altri.

Ero spiccatamente più intelligente, più sensibile, una sorta di cavaliere dei più deboli e allo stesso tempo sentivo delle pulsioni che avevo sempre avuto ma reprimevo.. per i ragazzi.
Mi ricordo come se fosse oggi quel giorno, era il quinto giorno di settembre, la scuola sarebbe iniziata a breve, sono a casa e il telefono squilla mio padre risponde “si sono io, va bene…[pausa] deve venire anche lui? Perfetto, a domani mattina!” era la preside del mio istituto, aveva convocato mio padre e me per la mattina dopo. Fu una tragedia quando mi disse che dovevano cambiarmi di sezione, ironia della sorte vi erano troppi pochi maschi e a causa mia non tornava il turno della doppia lingua e di ginnastica, quindi decisero di cambiarmi sezione.

Furono 5 minuti di inferno mi veniva da piangere e per non piangere presi il registro che la preside aveva davanti a se e lo scaraventai giù dal secondo piano dalla finestra! “Cosa fai?” la guardai con tutto l’odio che potei prendere dentro di me “fortunata solo che non lo faccia con lei! Andrò in quella classe ma ricordatevi che mi dovete un favore… a buon rendere!” e me ne andai sbattendo la porta e lasciando preside e padre sbigottiti… ho sempre adorato le scene Teatrali… sono un’attore nell’animo!

Quell’anno iniziò e io legai divinamente con la nuova classe che era molto più in gamba e molto più affiatata della precedente. Praticamente un manipolo di 24 figli di puttana in meno di 10metri quadri. E accanto a me lui, così dolce, premuroso e TERRIBILMENTE BONO! Capello castano chiaro, occhio azzurro sguardo tenero, calciatore ma allo stesso tempo con un cervello e un’ottimo livello di cultura. Diventammo subito amici di studio e non solo e li.. imparai che la masturbazione può diventare quasi una necessità!

Mi invaghì di questo ragazzo e non potei più fare a meno di notare che oltre che le ragazze mi piacevano anche gli ometti… e non poco!
Quella quarta classe fu un divertente ma tormentato inferno per un (more…)

 

la piccola vedetta ucraina… giugno 16, 2008

Filed under: erotismo,gay,Pensieri — sexinthecity - Samantha @ 10:36 pm
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Eccomi in piena crisi ormonale!

la scena è la più classica, finisco di commentare sul blog stacco il mio portatile (anche chiamato il mio ufficio trasportabile) lo infilo nella borsa ed eccomi pronto ad andare da un cliente… è un cliente molto particolare difatti è una mia amica che ha uno stabilimento balneare e che ha deciso di servirsi di me per i suoi biechi scopi ovvero diventare famosa!

Arrivo con il mio gingillo tecnologico mi collego alla wifi che ho comodamente installato e mi sistemo su quello che sarà il mio ufficio estivo.. ovvero il tavolino del bar del suddetto stabilimento balneare. Credetemi non c’è cosa più bella che lavorare con la brezza marina che vi scompiglia i capelli con le cuffiette e la musica che preferite nelle orecchie, una connessione iper veloce che praticamente utilizzate solo voi, un tavolino, una bibita sempre fresca… e… e… tanti bei ragazzi che ti sfilano davanti chiaramente in costume… che mostrano le loro timide (per il momento) abbronzature.

Arriva la mia amica con una lista chilometrica di cose da fare e mi preparo a questa lunghissima session lavorativo… purtroppo sono troppo buono con gli amici e loro chiaramente se ne approfittano in maniera impudita!

Mentre sono li che stiamo sistemando alcune cose su computer mi fa presente che è finalmente arrivato il nuovo bagnino e che è bellissimo, esattamente un minuto dopo me lo vedo arrivare, un ragazzo di origine ucraina appena maggiorenne alto 1,90 ma di viso nulla di eccezionale sentenzio io sempre acido ed esigente.

Lei mi guarda con fare malizioso mi sorride “Vedremo” e scompare, nel frattempo continuo a lavorare, lei ritorna con una felpa rossa la porge al bagnino e lo invita a provarsela, nello stesso istante alzo gli occhi giusto in tempo per vedere questo semplice ragazzino ucraino che si trasforma in una statua greca con un fisico mozzafiato rimasto nascosto dalla felpa che indossava!

Due spalle che avrebbero (more…)

 

la fine del fine settimana ovvero Grazie di tutto il pesce! giugno 15, 2008

Mentre tornavo a casa dal Mamamia guidando la macchina mi giro e vedo che doroty è morto, distrutto da un cocktail e una canna… questi ragazzini non li fanno più durevoli come un tempo!

E proprio in quel momento la mia mente vaga a che cosa fare di lui… non vi nego che mi sono quasi (e dico quasi) di aver pensato quello che INVECE il mio amico Pinkinthecity ha detto in un precedente commento… arrivo a casa, lo metto a letto e apro il blog nel quale vedo il commento di pink e inizio a ridere come uno scemo! Vi amo tutti quanti, pensavo di essere uno dei pochi veri bastardi rimasti sulla terra, mi consolo di sapere che sono in ottima compagnai! Quindi d’ora in avanti GIURO che non vi nasconderò nemmeno il mio più turpe segreto o pensiero!

Dunque… ardua la scelta se, entrare nel letto e scoparmelo selvaggiamente, lasciare perdere e non darglielo o ancora… fingere l’innamoramento, scoparmelo per poi dimostrargli con una prova del 9 schiacciante, che la mia teoria risulta assolutamente vera!

Sono le 4.30 del mattino, guardo i vostri messaggi e mi compiaccio di sapere che siete tutti giunti alle mie stesse conclusione, maledetta marmaglia di bastardi! 😀 (era chiaramente un complimento!)

Penso per un attimo al mio karma e disquisisco filosoficamente tra me e me sul fatto che qualunque cosa farò, prima o poi mi tornerà indietro e che questo mondo è governato fermamente dalla legge di causa ed effetto. Per chi si chiede se io sono (more…)

 

Piccole curiosità dal web giugno 13, 2008

Post decisamente anomalo rispetto ai miei standard ma, girando per la blogosfera ho trovato un blog dove mi facevano notare che nel sito della hbo si trovano un sacco di chicce interessanti… su uno dei miei serial preferiti ovvero Sax And the City!!!

Ovviamente alcuni di questi link li potranno capire solo chi ha visto il film!!!!

Chi di voi non vorrebbe visitare l’armadio nell’ appartamento di Carry BradShaw o ancora meglio di sognare di fare del sano sesso selvaggio nel letto di Samantha Jones?

O ancora chi di voi vorrebbe vedere la nuova collezione di Manolo Blahnik e pensare di poter indossare uno dei costosissimi gingilli adorati dalla nostra cara Carry!

Ma soprattutto per tutti coloro che sono appassionati di fashion non potete non sapere che cosa indossava la mia amata Samantha in uno degli episodi della 6^ stagione!

 

quando i froci vengono attratti da una macchina fotografica giugno 4, 2008

Filed under: Pensieri — sexinthecity - Samantha @ 9:29 am
Tags: , , , , , , , ,

Ho scoperto con mio sommo stupore di quanto i froci ogni tanto siano strani, difatti se prendete una macchina fotografica semi professionale, la sfoderate in un locale gay e iniziate a fotografare scoprirete che i froci verranno attratti da questa come le falene verso la luce!

Tutti inizieranno a chiederti di fotografarli per una narcisistica motivazione anche senza sapere cosa tu farai con quelle foto e molti si avvicineranno con fare curioso chiedendoti per quale giornale lavori…

altri ancora ti approccieranno dicendoti: “sai… mi piace tanto farmi fotografare… hai uno studio?”

Insomma se avete problemi a rimorchiare fate finta di essere un fotografo professionista e vedrete quanto si tromba!