Sex in The City

“Perversione è quella parola che le persone noiose usano per chiamare le fantasie altrui”

Pensava fosse amore e invece era un Pompino! giugno 25, 2008

Giusto per riallacciarmi al post di Miranda ieri sera mi sono trovato a pormi una serie di dilemmi ancestrali. Dovete sapere che prima di dedicarmi al mestiere della Puttana Riconosciuta, sono stato fidanzato per ben 5 anni con un ragazzo, con cui sono stato molto bene e che tutt’oggi amo con sincerità ed afffetto pari ad un fratello!
Mi chiama nel pomeriggio e mi chiede se lo accompagno alla mostra d’arte di Javier Marin, che nel suo linguaggio vuol dire: “ho bisogno di parlare un po’ con te che sei l’unica persona di senso compiuto che io conosca!”
Bisogna dire che lui è molto simile a me per molti versi con la grossa differenza che io sono MOLTO, troppo chiaro nei miei rapporti, mentre lui tende diciamo ad omettere la verità (e credetemi che sono stato buono!)
Ci guardiamo la mostra e rimane esterefatto pure lui della bellezza della stessa, poi arriva la telefonata del ragazzo con cui si frequenta in questo momento, il suo “amante” attuale o così pensavo.
Sento una lunga discussione in cui l’altro lato del telefono era in piena crisi di gelosia sia perché era uscito con me, sia perché lui se ne sarebbe andato 3 giorni in Sardegna per lavoro.
Quando attacca la mia domanda sorge spontanea “non è un po’ troppo geloso per essere un’amante?” lui abbassa gli occhi “in effetti è un po’ paranoico” poi un colpo di genio mi fulmina “a meno che non abbia delle buone ragioni per esserlo? Ti sei fidanzato!” lui mi (more…)

 

Sex and the Fashion – del 19 giugno giugno 19, 2008

Salve a tutti voi, anche se qui si parla di sesso e dintorni mi sembra giusto ogni tanto parlare anche di altro, che ne so.. di strumenti che ti possono essere utili per arrvare al sesso stesso o ancora… che possono aiutarlo, contornarlo o coaudiuvarlo! Qui si parlerà di fashion, alta tecnologia, gingilli sessuali o sempliceemente accessori utili e di design di cui nessun frocio può fare a meno! 🙂 Se non avete voglia di leggere andate pure avanti al prossimo post, lascerò sempre lo stesso titolo così chi di voi non fosse interessato individuerà subito e salterà a piè pari! 😉

Iniziamo questo appuntamento con presentare 3 cose di cui sono fissato ovvero Occhiali (strani), Iphone e Moleskine (more…)

 

Il Teorema del caffè maggio 1, 2007

Filed under: sesso — sexinthecity - Samantha @ 6:09 pm
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Nei miei tanti anni di appuntamenti via chat, ho imparato una serie di verità assolute tra cui il fatto che i matti sono sempre dietro l’angolo e che il foto ritocco è veramente uno dei mali più grossi di questo secolo! 🙂

Per questo nella mia lunga carriera da mignotella di bosco (termine coniato ed affidatomi da un mio ex di cui non farò il nome) mi sono sempre chiesto come risolvere alcuni problemi fondamentali del primo incontro. Dopo anni di ricerca sono finalmente giunto al “teorema del caffè” applicato al primo appuntamento ovvero “come cadere in piedi ad un’appuntamento al buio”.

Attraverso questi semplici passi da seguire, vi accorgerete che i primi appuntamenti al buio diventeranno quasi divertenti e per niente stressanti…

partiamo dalla considerazione peggiore in cui il suddetto “incontrato” che magari in chat appariva come un Don Giovanni de’ noi artri in realtà ha una serie di foto RITOCCATISSIME, è una sorta di incrocio tra uomo, scimmia e iguana guatemalteco.. o ancora peggio è intelligente quanto un chewingum appiccicato sotto la scarpa di un podista! ecco che in questa situazione il nostro caffè ci è amico in quanto un caffè non dura più di 5 minuti quindi se l’appuntamento va male sappiamo di poter scappare in breve tempo.

Ma partiamo dal principio, prima di tutto dovete prendere l’appuntamento con l’uomo o la donna misteriosa in un orario che vada tra le 16 e le 18, poi capirete il perchè di un orario così tanto preciso, e sostenere l’appuntamento con una frase del tipo “Che ne dici se ci becchiamo per un caffè così ci conosciamo un po?” Prima di tutto diciamo un caffè e non un drink che potrebbe essere equivocato come un “questo ci vuol provare a farmi ubriacare così poi mi si scopa più facilmente” mentre un caffè è innocuo, si può prendere decaffeinato, con il latte, con lo zucchero, amaro o addirittura dolcificato se noi o l’altro/a siamo a dieta!

Seconda fase dovete chiamare la vostra migliore amica o il vostro migliore amico, spiegarli la cosa e chiedergli di telefonarvi circa 30/40 minuti dopo che sapete di dover incontrare Mister X. Alla suddetta amica dovete fargli presente che siccome accidentalmente potrebbe sentire, la telefonata deve essere veritiera e che deve essere una cosa tipo… “Guarda Marco scusa se ti disturbo ma devo assolutamente essere accompagnata in quel tale posto, ti prego puoi raggiungermi il prima possibile, è urgente!” attenzione anche qui, usare la parola urgente e mai GRAVE altrimenti il nostro Mister X potrbbe insospettirsi e magari mangiare la foglia…

La terza cosa da ricordarsi è di scegliere un bar che sia centrale, possibilmente con una certa affluenza e soprattutto che siamo sicuri che arrivi il segnale del telefonino altrimenti il nostro piano B andrebbe a farsi friggere!

Finalmente abbiamo pianificato il nostro appuntamento e ci presenteremo li belli come il sole e possibilmente puntuali, al massimo con 2 minuti di ritardo… sapete.. in amore vince chi fugge… inoltre… 2 minuti sono accademici e quindi tollerati anche dagli svizzeri inside!

A quel punto ordineremo il nostro caffè che decideremo come dolcificare e gireremo lentamente mentre nel frattempo osserviamo A) Se Mister X fa cagare o fa al caso nostro B) intavoliamo una gentile e cordiale discussione sulle solite cazzate da “incontriamoci per consocerci!”

TEOREMA DEL CAFFE’ ipotesi 1 – mister X ci fa cagare

Ecco che dopo 2 chiacchere veloci e un’attento sguardo ci rendiamo conto che in realtà il nostro mister x sembra scappato da un laboratorio di ricerca sull’intellligenza sub umana o sulla possibilità di vita aliena sulla terra… ma non c’è problema dovremo aver pazienza solo qualche altro minuto fin tanto che il nostro piano B si attivi da solo “DRIIIIINNNN, pronto? Oh ciao Simo, ah… capisco… è ero qui con un’amico… mah non ti preoccupare se è urgente vengo, spiego a questo mio amico la situazione e sicuramente capirà, ok dai dammi 10 minuti e sono da te!” In men che non si dica spiegate al pitecantropo che una vostra amica ha bisogno di voi e da li a pochi minuti vi allontanate con aria quasi dispiaciuta, sicuri di esservi scampati una serata terribile

TEOREMA DEL CAFFE’ ipotesi 2 – mister X ci fa talmente sesso che vorremmo prenderlo e sbatterlo sul tavolino bistrot del bar, caffè compreso!

A quel punto se mister x ci piace, non è un completo idiota ma soprattutto è il tipo giusto, possiamo disattivare il piano B; facendo finta di nulla spegniamo il cellulare in modo che la nostra amica trovi il cellulare spento e capisca che l’appuntamento è andato bene, continuiamo pacifici la discussione cercando di capire se l’altra persona è altrettanto interessata. Nel caso affermativo ecco che l’ora ci torna utile perchè le 17 diventano facilmente le 18 ed ecco che possiamo proporre “vista l’ora che abbiamo fatto” un aperitivo e perchè no, magari mangiare qualcosa insieme!

Bhè se siete fortunati e lungimiranti il teorema del caffè vi può portare dal caffè all’aperitivo, dall’aperitivo alla cena… e dalla cena ad un comodo letto, il tutto solo con un attenta pianificazione dell’apputamento…

provatelo e fatemi sapere!